vedi "la villa " vedi "il castello" vedi "la chiesetta" vedi "il parco" vedi "la casa di Nonino"
il portale il proposito prima di arrivare siamo arrivati
i Baschera i Nonino i Pirzio-Biroli la storia continua
  

Discendenti da una famiglia di lunghissima data che predominava nel Friuli dall'epoca del Patriarcato di Aquilea, con un albero genealogico che risale prima dell'anno 1300, Detalmo Savorgnan di Brazzà, abitava la Villa del Castello quando Nonino cominciò a lavorare per quella famiglia circa l'anno 1885.
In quell'època il fratello di Detalmo, Pietro faceva gli sue spedizioni in Africa per il governo francese, ma sovvenzionato dalla famiglia Savorgnan. La città capitale del Congo Francese, fondata da Pietro conserva ancora oggi il nome "Brazzaville".
Detalmo spossò, in 1887 Cora Slocomb. Una donna americana di carattere molto imprenditore cui diede origine a una scuola di Merletti che si teneva a Brazzà, Fagagna e Santa Margherita che perdura ancora oggi.
Da quella unione nacque in 1890, Idanna Savorgna di Brazzà, figlia ùnica del matrimonio: "la Contessina" come era chiamata da Nonino.
In quelli ultimi anni dal nono seccolo, la Villa Brazzà era frequentemente visitata dalle personalità più illustri dell'Europa. Da una di quelle visite Idanna conobbe un giovane ufficiale Giuseppe Pirzio Bìroli, con cui si spossò nell 1914.
In 1915 nacque Detalmo Pirzio-Biroli (Detalmino, com'era chiamato dalla sua famiglia). Dopo sono natti Giacomo e Marina, ma è stato Detalmino cui è rimasto a vivere nella Villa Brazzà.
In 1940 spossò Fey Von Hassell, cui era figlia dell'ambasciatore della Germania in Italia, e della loro unione sono natti Corrado, Roberto, e anni dopo Vivianne.
Cora Slocomb si ammalò e fu internata in un ospedale a Roma durante anni, dov'era accompagnata di suo marito Detalmo.

Quindi a Brazzà era Idanna cui portava avanti l'azienda.
Idanna, trovò in quei anni non solo sua miglior amica in Pina Nonino, ma anche sua confidente e consulente.

Questo vincolo con la mia famiglia si è trasmesso in segiuito a Detalmino e Fey, ed è perdurato finche i miei avi sono partiti per l'Argentina in 1947, un anno dopo la mancanza di mia bisnonna Pina.

I discendenti di Nonino che sono stati in visita a Brazzà, non si sonno incontrati con Detalmo, Fey o suoi figli, quindi io sono stato nell 2006 il primo discendente di Nonino in riprendere il contatto.


vedi più fotografie di i Pirzio-Biroli
 

Foti (da sopra)
1 y 2- Stemmi della famiglia Savorgnan di Brazzá.
3- L'exploratore Pietro Savorgnan de Brazzá, in la sua veste per il deserto
4- Detalmo Savorgnan di Brazzá nella sua sedia prediletta, participe di una avventura della guerra, che Fey ci raccontò.
5- Idanna Savorgnan di Brazzá con Detalmino.
6- Detalmo Pirzio Biroli, nipote del Nonno Detalmo, a chi non abbiamo avuto la fortuna di conoscere, mancato in aprile del anno 2006, mesi prima del nostro viaggio.