?
 ?
 ?

La Signora Ornella Moss è stata chi ci accolse nel nostro arrivo al Castello di Brazzà e ci ha fatto conoscere a priori, come sono ricordati Pina e Bepo Nonino. Lei ci raccontò che suoi fratelli maggiori avevano lavorato nella tenuta con Nonino cuando lei era piccola, e qualche volte lei stessa gli portava dei refrigeri. Sono stati lei e suo marito Luciano che ci anno mostrato i libri, e peraltro il libro "Finestre e Finestrelle" che ho portato a casa, è quello che loro mi regalarono il giorno che siamo partiti di ritorno.
La casa in stile mediterraneo a due piani, è situata nel intramuro del castello. Era stata parte delle case che abitavano le famiglie dei lavoratori della tenuta. La signora Ornella non era sicura su l'uso della casa nei tempi di Nonino. Un tempo dopo, abbiamo avuto una grata sorpresa in questo particolare.
Di camere spaziose, ampi portici e saloni dove si possono assaporare i piatti tipici della cucina friulana cucinati e presentati con molta dedicazione, La Roncolina offre una opzione altamente recomendabile per allogiarsi e per mangiare.
La sorpresa la abbiamo avuta un mese dopo in Argentina quando siamo andati a Mar del Plata a visitare un carissimo amico della famiglia, Ettore Persello. Lui è anche nato a Brazzà. Li abbiamo mostrate le fotografie , e quando siamo arrivate a quelle della Roncolina
, quando ho chiesto se lui sapeva su la attività che si svolgeva in quella casa li hanno lucicatti gli occhi e mia ha detto: "Era la mia casa". La seconda foto che si puo vedere, è la stanza dove Ettore è nato.
A Brazzá abbitano ancora dei nipotti di Ettore. Voglio mettere fotografie della sua famiglia in queste pagini, e racortare la sua storia pure.

El ingreso a la Roncolina
vista desde la 2da habitacion del 1er piso
salon y recepcion
salon comedor
fogolar
fogolar desde el salon
La Roncolina
VOLVER AL VIAJE llegamos.html shapeimage_2_link_0
 ?